Mi presento

Ho iniziato il mio percorso in questo mondo olistico, poco prima di diventare mamma.

Da piccola amavo “la magia” e la mia cara nonna mi toglieva l'occhiatura se stavo male, ma poi crescendo la parte razionale e logica era quella che prevaleva: la scienza, la fisica e l'arte erano le mie passioni.

 

Anni fa un' amica mi portò ad una costellazione famigliare, per curiosità partecipai anch'io e venne fuori che avevo un dono represso (ma chi non lo ha?). Da quel momento iniziò la mia ricerca olistica, che so bene non avrà mai fine.

 

Continuo a mettere in dubbio tutto e a cercare la verità, una verità effimera che evolve di continuo.

 

Da quando sono mamma la mia ricerca ed esperienza è diventata sempre più mirata a far star bene le persone che amo, prima di tutto le mie figlie, così tra "abracadabra", rimedi della nonna, meditazioni, etc... ho deciso di condividere i miei studi, metodi  e "antidoti" per aiutare gli adulti ad innamorarsi del mondo olistico affinché possano riscoprire un equilibrio energetico e cambiare la loro vita per il benessere dei propri figli.

Ho sempre avuto un diario...da oggi scriverò un blog!

mamma olistica benessere energetico bambini
benessere energetico yoga trattamenti energetici

Partiamo dalla basi

Il mio desiderio è lasciare qualcosa alle generazioni future, ai genitori di domani partendo dai bambini di oggi aiutando i bambini interiori dei loro genitori.

Concetto contorto vero?! Ora vi spiego...

Con l'arrivo della mia prima figlia e dei suoi primi malesseri mi buttai a capofitto nella pratica integrando varie tecniche di saperi e pratiche di ogni tempo e luogo.

Era davvero logorante per me vederla star male, anche se, sapevo bene che doveva fare esperienza per crescere; cercavo sempre un modo per “alleviare” l'infezione, lo sfogo, il raffreddore e quant'altro andando di pari-passo con quello che mi diceva il pediatra e cercando di capire a livello energetico di cosa si trattasse...se era possibile fare qualcosa la facevo, perché no? 

Con la pratica, l'ampliamento degli studi ed una seconda figlia, le occasioni in cui stiamo male in famiglia sembrano fluire con più tranquillità, in breve tempo direi; certo capita anche a noi di avere la tosse o l'influenza! Ma le condizioni sono meno drammatiche, non evolvono in situazioni in cui davvero non si sa dove sbattere la testa.

Molte scuole di medicina olistica e biologiche (se non tutte) individuano la base dei malesseri dei bambini nei genitori e in questi anni ho trovato la conferma, sperimentandola direttamente: i nostri bambini ci fanno da SPECCHIO!

I trattamenti energetici sono in piccola parte direttamente destinati ai bambini; durante l'infanzia il loro disequilibrio è legato all'ambiente in cui vivono, e quell'ambiente siamo noi genitori!

Fondamentale è andare a creare un' armonia energetica ed equilibrata lavorando in primis sui genitori (ed, ahimè, soprattutto sulla madre) per permettere al bambino di essere libero dalle “frequenze” parentali che entrano in risonanza con lui.

- Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore.

L’essenziale è invisibile agli occhi -

“Il Piccolo Principe” , Antoine de Saint-Exupéry.

L'approccio olistico

La fisica quantistica si sta avvicinando, sempre di più, a quello che il misticismo orientale ha sempre sostenuto con l'intuito: una visione OLISTICA del TUTTO (dal greco Olos: tutto, intero, totalità, integrale) dove l'uomo è  espressione del corpo, della mente e dell'anima; ed è strettamente collegato con l'Universo.

La medicina olistica funziona (se lo si vuole) e non ha controindicazioni...Attraverso questa consapevolezza mi rendo conto, ogni giorno, di quanto tutto avviene dentro di noi, e di come la coscienza e l'intenzione generano la realtà in cui viviamo.

Malattia o benessere altro non sono che i risultati delle nostre emozioni e pensieri; ecco perché è importante mettersi in ascolto di sé stessi e del proprio corpo.

Dopo studi, ricerche ed esperienze “sul campo” sono una terapeuta olistica in "divenire con umiltà". Devo ringraziare le persone a me care, che mi hanno permesso di comprendere e lavorare in sinergia, primo tra tutti mio marito e compagno di vita con tutta la sua ex-ipocondria innata, le mie figlie (inutile dire quanto le ami) e le mie amiche care.